L'importanza delle spazzole per capelli

Avatar di Ale
0
0
Chiesto da 3 mesi fa in Beauty Tips

Ho inizato a dare importanza alle spazzole e quindi voglio condividere con voi le mie info viste in giro.
Ogni capello ha la sua spazzola.. invece prima, ne usavo una qualsiasi.
Sedetevi comode, mangiate pop corn e se volete, leggete questo papiro in cui vi dico ciò di cui mi sono informata sulle spazzole.
COME SCEGLIERE LA SPAZZOLA IN BASE AL PROPRIO TIPO DI CAPELLO?
Dovete valutare se avete i capelli ricci o lisci, se sottili o folti, se lunghi o se corti.
Le spazzole adatte per capelli fini sono quelli dai dentini corti e vicini tra loro, mentre per capelli ricci/mossi è consigliabile usare un pettine o una spazzola dai denti ben distanti tra loro e lunghi. (Guardate le foto per capire).
COME SCEGLIERE LA SPAZZOLA IN BASE ALLA LUNGHEZZA DEI CAPELLI?
(guardate la foto)
DI QUALE MATERIALE DEVE ESSERE FATTA UNA BUONA SPAZZOLA?
La plastica tende a spezzare ma soprattutto, elettrizzare i capelli, soprattutto quelle con i pallini sui dentini, quindi evitare questo tipo di spazzola.
Il miglior materiale è il legno, ma è buono anche il carbonio. Fate attenzione nel leggere di cosa sono fatte le SETOLE o i DENTINI, non il MANICO! il manico può anche essere in legno, ma se le setole sono di plastica, metallo o altro, a che serve?
SPAZZOLE DISTRICANTI E SPAZZOLE SPAZZOLANTI: QUALI SONO LE DIFFERENZE?
Ebbene, materiale, misure e modelli a parte, esistono due tipi di spazzole: le spazzole DISTRICANTI e le spazzole “SPAZZOLANTI”. Voi direte, non è la stessa cosa? No.
Le SPAZZOLE DISTRICANTI sono fatte con dei dentini con o senza i pallini sopra, di legno, di plastica o quel che volete, ma comunque dentini e servono a sciogliere i nodi.
Le SPAZZOLE SPAZZOLANTI sono fatte di setole rigide, molto folte. Possono essere naturali o sintetiche. La qualità migliore sono le setole di cinghiale, detta anche “cinghialina”, ma possono anche essere setolo di pelo di maiale, capra ecc. Esistono le setole sintetiche per chi non volesse usare una setola naturale, le più conosciute sono in nylon.
Questo tipo di spazzola serve non a districare, ma a spazzolare, ovvero lucidare il capello spostando il sebo in eccesso della cute verso le punte. Queste spazzole NON sciolgono i nodi! Vanno usate su capelli asciutti (mai su capelli bagnati in quanto fragili, questa spazzola li rompe e basta) e sui capelli già districati con una spazzola districante, altrimenti vi strappa i nodi. La spazzola viene usata accarezzando i capelli per lucidare e spostare il sebo naturale della cute verso le punte, richiede diversi minuti ma avrete una chioma più sana e protetta dal vostro sebo naturale. Con questo non significa assolutamente che potete evitare di lavare i capelli per giorni, se la cute è già grassa, grassa rimane, semplicemente uniformate il sebo nel resto della chioma, invece di lasciarlo solo sulla cute e intanto togliete le varie impurità del capello. Inoltre serve anche ad uniformare i leave in oleosi.
MA ATTENZIONE: questo tipo di spazzola NON va bene alle ricce! Preferire quindi i pettini.
QUALE SPAZZOLA PREFERIRE, QUINDI?
Per le spazzole districanti, preferire le spazzole SENZA i pallini sopra ai dentini anche se in legno, è facile strappare i capelli con quel tipo. Preferire dentini in legno, con lunghezza e distanza in base al proprio tipo di capello (vedi foto). Preferire setole naturali per spazzole spazzolanti.
OGNI QUANTO SPAZZOLARE E DISTRICARE I CAPELLI?
Si consiglia di spazzolare e districare i capelli 2 volte al giorno, mattino e sera, per circa 10 minuti o più. In questo modo eliminiamo costantemente le impurità dei capelli, che possono essere sebo in eccesso, nodi, ma anche polvere, smog ecc. Districare i capelli quotidianamente con una spazzola in legno non solo scioglie i nodi, ma fa un massaggio al cuoio capelluto nel momento in cui per vari minuti districate i capelli e quindi stimola la crescita. Stessa cosa spazzolando e, aiuta a mantenere le squame chiuse, lucide e protette grazie al sebo naturale della vostra cute.
LE MIE SPAZZOLE
Vi posto la foto.
Le mie spazzole sono entrambe della marca Kostkamm. Ne ho una districante e una in setole per spazzolare.
Ho i capelli medio-lunghi (mi arrivano al seno) e come spazzola districante ho scelto quella rettangolare dai dentini in legno. Invece per spazzolare, ho scelto quella ovale, dalle setole naturali in faggio e sisal, setole naturali-vegan.
Ho notato che da quando ho iniziato a districare e spazzolare mattino e sera per diversi minuti, la cute si sporca di più. È come se la circolazione fosse più attiva. Devo lavarmi i capelli una volta in più a settimana, ma la chioma è sana. Districo i capelli con la spazzola rettangolare, perfetta per capelli lunghi. Poi su capello asciutto, procedo a spazzolare con quella ovale in setole. Applico un pò di olio sulle punte e leggermente sulle lunghezze e spazzolo per uniformare.
Nel momento in cui la uso per uniformare il sebo, avendo i capelli medio lunghi non riesco a portarlo fino alle punte, per questo necessito di un olio.
INFINE, COME CURARE/LAVARE LE SPAZZOLE?
Le spazzole vanno lavate regolarmente.
Ovviamente bisogna togliere sempre tutti i capelli incastrati.
Per quanto riguarda le spazzole con i dentini, vanno lavate con acqua e un detergente neutro-delicato. Tamponare e lasciare asciugare naturalmente, lontano da fonti di calore.
Per quanto riguarda le setole, lavare con acqua e detergente neutro-delicato, tamponare, applicare un pò di olio di semi di lino per mantenere le setole sane e intatte. Lasciare asciugare naturalmente lontano da fonti di calore.
Se avete spazzole senza il cuscinetto ma avete i dentini o le setole direttamente attaccate al legno, EVITATE di farci finire acqua e sapone o peggio ancora oli, in quanto potrebbe rovinare e irrancidire i fori da dove sono attaccate le setole/dentini e quindi rovinare la spazzola.
IN SOSTANZA: A CHE SERVE DISTRICARE E SPAZZOLARE QUOTIDIANAMENTE I CAPELLI E SCEGLIERE LA SPAZZOLA GIUSTA?
Scegliere la spazzola giusta serve a districare e spazzolare senza rovinare il nostro tipo di capello, quindi rispettando la sua forma. Se una riccia usa una spazzola dai dentini super stretti, è ovvio che non avrà un bel riccio. Idem una liscia se usa un pettine dai denti larghi, non riuscirebbe a districare tutti i capello e risulterebbero secchi. Spazzolare e districare serve a sciogliere sempre i noti, mantenere pulita la chioma da polvere e smog, stimolare la circolazione e lucidare.

Avatar di Lulli
0
0
Risposta di 3 mesi fa

Io ho un ricordo delle prime frequentazioni di un gruppo bio su fb in cui ho letto “non metterò addosso niente proveniente da animali!” riferendosi a spazzole in setole di cinghiale al che mi era venuto un groppo al cuore pensando che la “postatrice” doveva usare solo indumenti sintetici notoriamente poco ecocompatibili, invece del mio amato cotone. Digressione dovuta al fatto che il post di Ale è completo e non ho niente da aggiungere se non che in borsetta uso pettine in plastica a denti larghi favolosamente confortevole, non ne so la marca, ma gli altri non sono come lui e a casina la spazzola in setole di vero cinghiale che è il top, invece la originale osannata tanglee tezeer mi fa attrito e la uso per massaggiare la cute e la odio perchè è troppo larga di impugnatura per stare bene nella mia mano e possiedo il modello piccolo…

  • Ale
    In effetti per quanto riguarda il pettine, secondo me va bene ugualmente la plastica. Sono le spazzole che secondo me devono avere un occhio di riguardo in più, quindi preferire materiali in legno. Io ho usato una simil-tangle tezeer ma non mi è piaciuta più di tanto. Districa sì, ma crea attrito come dici tu.. insomma, la mia spazzola di Kostkamm districa quanto la tangle ma non crea attrito e fa anche un bel massaggio.
Avatar di Sunrice
0
0
Risposta di 3 mesi fa

Interessantissime le tue ricerche sulle spazzole! Per un periodo avevo fatto una ricerca simile per i pettini (ho i capelli corti e fini) e anch’io avevo letto che i materiali migliori e più “professionali” sono proprio legno e carbonio. Alla fine ho scelto il carbonio perchè è più semplice e rapido nella manutenzione e pulizia..il pettine dell’azienda Tek con manico e denti medi che per i miei capelli è perfetto!Mi piange un pò il cuore a parlarne perchè è uno dei prodotti che avevo recensito ad aprile con tanto di foto ma la review è ancora in attesa di approvazione:-((Ad ogni modo prima di acquistare ho avuto modo di contattare il servizio clienti via mail e furono gentilissimi nello spiegarmi le differenze tra pulizia del legno e pulizia del carbonio…effettivamente il mio pettine in carbonio non si macchia, si lava con sapone delicato (lo stesso che uso per i pennelli, spugnette, etc…) e si asciuga rapidamente….proprio un ottimo acquisto! E la differenza coi vecchi pettini in plastica sta nel peso (quello in carbonio è più robusto e pesante) e nel fatto che non strappa i capelli, nè tantomeno li elettrizza, non a caso è consigliato proprio come materiale per combattere l’elettrostaticità. Sono contenta tu abbia aperto questo post, abbiamo avuto modo di confrontarci su questo tema interessante e mi ha permesso intanto di accennarvi del mio pettine in carbonio, sperando prima o poi di vederlo tra le recensioni pubblicate:-(

  • Ale
    Infatti mi piacerebbe leggere la tua recensione. Tek dovrebbe essere il marchio per eccellenza migliore. Chissà, magari un giorno prenderò qualcosa
Avatar di Dani
0
0
Risposta di 3 mesi fa

Che bel post Ale, veramente interessante! Io uso per districare i capelli sia il pettine che la spazzola di legno, per capelli sottili e di lunghezza media di marca Acca Kappa. La spazzola fa un piacevole massaggio, mi ci trovo benissimo, è già la seconda che compro perché la prima si era rovinata molto, aveva perso molti dentini. Io la lavo con acqua e sapone di Marsiglia, forse troppo aggressivo? Mi ricordo che il cuscinetto si era lentamente sbriciolato. Prima l’avevo di forma ovale, ora ce l’ho rettangolare ma piccola. Da qualche giorno a questa parte sento il desiderio di comprare la famosa cinghialina!!! Mi piacerebbe ovale, con il manico di legno scuro, ricordo che l’aveva mia nonna, è molto morbida e delicata. A casa possiedo una spazzola a rullo piccolo di cinghiale rinforzato ma niente a che vedere con la cinghialina! Questa la uso per la messa in piega del ciuffo e delle punte che mi piacciono girate per sotto. Quanto può costare una buona cinghialina? Ciao 🙂

  • Ale
    Il prezzo di una buona cinghialina varia da marca a marca.. ma da quel che vedo va dai 20€ in su. Vedi ad esempio il marchio Tek. Io prima di comprarla, ho voluto provare una alternativa un pò piu economica e ho preso quella di Kostkamm che, non è in cinghiale ma in un materiale di una pianta, il faggio. L’ho pagata 12 euro
  • Ale
    Si, forse il sapone di marsiglia è un pò aggressivo .. io uso anche il detergente intimo! Uso in particolare quello delicato della omia che ha ph 3.5, che ovviamente lo uso anche per me XD
Mostrati 3 risultati
Scrivi la tua risposta

Si prega di effettuare il prima di rispondere alle domande.