Shampoo secco fai da te: preparazione e uso

shampoo-secco-fai-da-te

Ciao a tutte ragazze, oggi parliamo di capelli, in particolare del momento del lavaggio. Come voi ben saprete in commercio esistono tantissimi shampoo adatti a tutte le esigenze, ma molto spesso coloro che necessitano di un lavaggio frequente faticano a trovare un prodotto delicato e valido.

 

È ormai noto che il lavaggio quotidiano dei capelli non è troppo consigliato, ma cosa fare quando questi sono visibilmente sporchi al punto da apparire quasi unti? Un valido aiuto lo può fornire in questo caso lo shampoo secco, ovvero delle polveri mischiate talvolta ad altri ingredienti che possono assorbire la sovrapproduzione di sebo e far durare il lavaggio precedente qualche giorno (o anche solo qualche ora) in più. Oggi vi mostro quindi un rapidissimo suggerimento di shampoo secco, mostrandovi alcune semplici varianti in base agli ingredienti che trovate più facilmente reperibili o che magari avete già in casa.

shampoo-secco

Le polveri che possiamo utilizzare per lo shampoo secco sono diverse, tra le più usate troviamo l’argilla e vari tipi di amido. Per quel che riguarda l’argilla possiamo valutare quella che preferiamo: caolino, argilla rosa o verde, o qualsiasi altra polvere simile che non abbia però al suo interno parti non finemente polverizzate che rimarrebbero dunque tra i capelli alla fine. Se invece prediligiamo gli amidi suggerisco di scegliere tra quelli di mais o di riso. Alcuni preferiscono il primo in quanto pare diventi invisibile più facilmente, personalmente non noto alcuna differenza tra i due. Alcune persone utilizzano inoltre anche del bicarbonato, in aggiunta alle polveri citate (personalmente non ho mai provato questa variante).

 

Trattandosi lo shampoo secco di una semplice polvere da applicare e poi rimuovere questo potrebbe essere già sufficiente per il risultato che vogliamo raggiungere.
Ma se volessimo aggiungere altri ingredienti possiamo trovare utile l’aggiunta di polvere di cacao amaro, senza la presenza di zucchero, per scurire la polvere e far si che questa non si noti sui capelli qualora piccole parti non vengano spazzolate bene, o di aggiunta di polveri profumate come quella di buccia di arancia, o di rosa, o di sandalo: online si trovano diverse proposte simili che possono tornare utilissime, occorrerà solamente scegliere quella più adatta a noi. Ovviamente anche in questo caso possiamo utilizzare i preziosissimi oli essenziali, mischiandoli alle polveri in piccole dosi e mescolando bene affinchè questi vengano assorbiti e dispersi in maniera omogenea.
Trattandosi di un prodotto interamente a base di polveri questo non ha grossi problemi di conservazione, motivo per cui se ben conservato piò essere preparato preventivamente e utilizzato nel tempo, magari scegliendo come dosatore un contenitore vecchio di borotalco o altra polvere che abbia il classico dosatore a fori.

dry-shampoo
Come si usa lo shampoo secco?
Lo shampoo secco ha un utilizzo molto semplice e rapido.
Basta spargere questo prodotto sulle radici in modo omogeneo, senza esagerare con le quantità (eventualmente si passerà poi una seconda volta), lavorando tutta la testa dividendola in piccole sezioni immaginarie. Occorrerà quindi spazzolare i capelli, partendo dalle radici, per portare il prodotto sulle lunghezze in quantità minore e per rendere indivisibile l’utilizzo di queste polveri sulla cute.
Può essere un prodotto utile anche solo per mantenere pulite zone di capelli che notoriamente possono ungersi più facilmente, come la frangia o i ciuffi laterali.

Spero che questi semplicissimi suggerimenti possano risultarvi utili per la preparazione di questo prodotto di cui già si è parlato in BB Talk, e che ha destato curiosità. Esistono inoltre anche prodotti simili già presenti in commercio, ma per la semplicità di preparazione penso valga la pena provare a riproporli in casa, anche per il notevole risparmio economico.

Salutandovi, colgo l’occasione di domandare direttamente a voi di che cosa vorreste che trattasse il prossimo articolo: cura del corpo, del viso, capelli o make up?
O magari qualche altra proposta differente, ma che posso comunque trattare qualora io abbia conoscenze in merito sufficienti per potervi fornire qualche dritta!

Mando un bacio a tutte voi!

 

Lalla

VN:R_U [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 voti cast)
  1. Avatar di IronLady Mary
    31/10/2016, 21:39

    Ciao Lalla, ti ringrazio tanto, per questa dritta! provero’ tutto al piu’ presto,
    un bacio

  2. Avatar di Sunrice
    01/11/2016, 16:13

    Non mi è ancora mai capitato di provare shampoo a secco, con farine, argille, etc..ma terrò sicuramente a mente i tuoi suggerimenti nel caso mi decidessi a provare il cowash!;-)

    • Avatar di Naturalmente Lalla
      02/11/2016, 7:55

      Shampoo secco e Cowash sono due prodotti diversi Sun! 🙂

      • Avatar di Sunrice
        02/11/2016, 16:38

        Ecco appunto, ammetto la mia scarsissima conoscenza in materia, io ho utilizato ghassoul ed erbe tintorie ma non mi sono mai cimentata con altre polveri, nè mi è capitato di approfondire finora…sapevo che il cowash era il lavaggio alternativo con lepolveri tipo farina di ceci, allora forse mi hanno dato un’informazione errata:-(( Mi chiariresti il dubbio? Quali sono allora le differenze? A questo punto lo propongo anche come spunto per un prossimo articolo…lavaggio a secco e cowash. Grazie se trovi tempo e modo di rispondere alla mia confusione!

        • Avatar di Naturalmente Lalla
          03/11/2016, 12:28

          Il Cowash altro non è che un lavaggio base di balsamo e zucchero e/o farina di cocco, che deterge molto delicatamente e lascia i capelli molto morbidi… Io mi trovo bene se non ho i capelli troppo sporchi da prodotti di Styling! 🙂

      • Avatar di Sunrice
        03/11/2016, 22:55

        Grazie Lalla della spiegazione, ho fatto poco fa qualche ricerca incuriosita dalle tue parole e ho capito che non c’entrava proprio nulla con quello che mi avevano detto…ho capito due cose: che qualcuna fa le cose su se stessa e non sa nemmeno il nome esatto di quello che fa (mi riferisco ovviamente alla “fonte” informatrice) e che non si finisce mai di imparare…grazie mille!!;-)

  3. Avatar di Giusy P.
    01/11/2016, 17:40

    Mi serviva proprio un post del genere!

  4. Avatar di Lumaca
    01/11/2016, 19:02

    mi piace un sacco questo articolo.. lo proverò! per il prossimo articolo mi piacerebbe leggere una spiegazione su tutte le polveri tipo fieno greco ed erbe tintorie.. una spiegazione fatta da te che sei pure chiara e ordinata come impostazione quando scrivi.. però forse chiedo troppo 😀

    • Avatar di Naturalmente Lalla
      02/11/2016, 9:31

      Sicuramente un post impegnativo! Posso magari dividerlo per quelle curative e quelle tintoria, altrimenti verrebbe davvero molto lungo, con poche informazioni per ciascuno, per darvi magari le indicazioni essenziali e spunti per informarvi maggiormente, o ampliare magari nei commenti.. Hai qualche dubbio, o aspetto di questo argomento, su cui in particolare ti piacerebbe trovare approfondimento. Grazie per l’idea intanto, magari non sarà il prossimo perché come hai intuito è un articolo lungo anche da scrivere, e devo capire come impostarlo, ma sicuramente è un argomento che tratteró! 🙂

      • Avatar di Lumaca
        02/11/2016, 20:20

        lo so, la mia richiesta è molto impegnativa… magari puoi fare un articolo per ogni erba 😀 (non mi odiare 😀 ) ma non saprei che altro suggerire, questo è l’unico argomento di cui ancora ho dubbi.. per esempio ho letto tanto su henne’ e indigo.. ma non ho provato per paura di far diventare i capelli rossi.. io li ho castano scuro e li vorrei più neri.. ho letto molto anche su amla e methi ma ognuno dice la sua.. insomma Lalla decidi tu cosa ti viene meglio e cosa interessa anche le altre, io intanto ti ringrazio già per averlo chiesto a noi 🙂

  5. Avatar di elena ❤
    02/11/2016, 21:16

    Anche io faccio a casa lo shampoo secco! Utilizzo borotalco, bicarbonato e talvolta un pochina di farina; aggiungo qualche goccina di olio essenziale et voilà.. Tutto pronto!

  6. Avatar di Novigrad
    03/11/2016, 5:19

    Letto con moltissimo piacere come sempre,non sono una eccellente spignattatrice ,ma non e’ mai troppo tardi

  7. Avatar di Lulli
    03/11/2016, 19:14

    Interessantissimo! In generale sono contraria allo shampoo secco, ma con i capelli lunghi e un pupo questi accorgimenti potrebbero salvarmi davvero in certe occasioni.

    • Avatar di Naturalmente Lalla
      04/11/2016, 8:35

      Io non li uso per motivi pratici, dal momento che sono riccia e pettinare i miei capelli per rimuovere la polvere di metterlo nelle condizioni di doverli poi ribagnare per ravvivare i ricci e a quel punto è tutto inutile e non guadagno tempo. Ma per ritardare (ovviamente di poco) un lavaggio dei capelli può essere un’idea! 🙂

  8. Avatar di zaphira
    03/11/2016, 20:01

    Grazie Lalla ma quando è indicato usare lo shampoo secco? Perché avevo sentito dire che tende ad ingrassare i capelli…

    • Avatar di Naturalmente Lalla
      05/11/2016, 10:23

      Non mi risulta che li ingrassi, anzi, può essere utile soprattutto per chi ha già la cute grassa, in quanto tende ad assorbire il sebo in eccesso che spesso ci porta a lavarli.. Se usato nei casi di emergenza non trovo che ci siano particolari controindicazioni, dipende poi ognuno come ci si trova ovviamente 🙂

      • Avatar di zaphira
        10/11/2016, 20:08

        Ah ok grazie. Io fortunatamente non ho la cute grassa ma solo sensibile però mi sembra comunque un prodotto interessante.

  9. Avatar di littleprincessgg
    04/11/2016, 15:59

    Io ho provato a farne uno con bicarbonato e cacao. Alle prime applicazioni sembrava miracoloso, ma poi ha perso completamente il suo effetto…

  10. Avatar di Figi
    06/11/2016, 22:10

    Eh si!anche io come Naturalmente Lalla ho i capelli ricci e non posso utilizzare lo shampoo secco…un vero peccato,trovo che sia pratico,economico e utile per le emergenze,o quando si è fuori casa per qualche giorno e magari si ha poco tempo per lavare i capelli!comunque…conosco un po’ di persone che faranno buon uso di questi consigli!;-)
    Grazie

  11. Avatar di Ale
    Ale
    23/11/2016, 3:21

    Io avevo provato con il Talco, ma essendo castana scura faccio fatica a “nascondere” bene il prodotto! È una tecnica che conoscevo già, ma è curioso che si può fare anche con farine e argille 😉

Lascia un commento

Devi effettuare il login per scrivere un commento. Entra, oppure Registrati.