Zero waste.. chissà cos'è?

Avatar di the ethical choice
3
0
Chiesto da 3 settimane fa in Varie

Ciao a tutt*!!!
E’ da un sacco che non vi scrivo ma eccomi di ritorno.
Sempre alla ricerca di nuovi metodi/prodotti per essere più sostenibile e non solo, ho scoperto quest’iniziativa.. Zero waste. Letteralmente significa zero rifiuti e l’approccio più radicale consiste nel produrre solo rifiuti compostabili quindi no plastica, no secco, niente!

Vi siete già spaventate? Io si haha.
Ma niente paura, non è il traguardo l’importante, ma il percorso.
Personalmente non ritengo necessario arrivare a usare solo il compost perché credo nel riciclo e comunque non credo che un’intera società possa diventare in toto zerowaste.
MA penso che ci siano tantissimi aspetti positivi in questa iniziativa.

Ecco semplici esempi che salvaguardano l’ambiente E IL NOSTRO PORTAFOGLIO!

Coppetta mestruale: spero che ormai l’abbiate sentita nominare tutte quante ma in caso contrario ecco una breve spiegazione. E’ una coppetta in silicone medico che sostituisce gli assorbenti usa e getta, si usa in modo simile a quelli interni, si usa per più di 10 anni, permette un grande risparmio e comodità da molti punti di vista. E’ più comoda di qualsiasi assorbente e permette di andare in piscina ecc. per altre curiosità fatemi tutte le domande che volete!

bottiglietta riutilizzabile: ne esistono di tutti i materiali, forme e colori. Garantiscono un grande risparmio e ci si può portare la bevanda che più preferite!! E inoltre avendola sempre con se ci ricorda che dobbiamo bere.. non so voi ma io me ne dimentico sempre!
Esistono con funzione termos, in forma piatta per stare anche nelle borse più piccole, con rivestimento in legno, di tutti i tipi!

shampoo e balsami solidi: hanno la forma di una saponetta e si usano in modo analogo ma sono specifici per i capelli. Hanno in media una durata 3 volte maggiore di quella dei liquidi, sono pratici da portar via, fanno meno ingombro e non hanno packging da buttare! vi consiglio quelli di Saponaria e Lamazuna che sono ecobio!

ci sono altri infiniti prodotti ma questi sono quelli base da cui partire!
Avete domande? voi siete già inconsapevolmente sul cammino zerowaste? 😀

ps dimenticavo che spignattare è fondamentale nella zerowaste ;D

Avatar di Lunika
1
0
Risposta di 2 settimane fa

Non conoscevo questa azienda, vado a sbirciare un pochino in giro!

Avatar di Ale
1
0
Risposta di 2 settimane fa

Che bello! Io inoltre ho sostituito gli scrub commerciali con un guanto per il corpo e una spugnetta in silicone per il viso, ottimi.
Io volevo provare prima o poi gli shampoo solidi, ma non so se riuscirei ad usarli visto che sono abituata a diluire

  • the ethical choice
    Anche io! Mi dava fastidio usare un prodotto in modo usa getta soprattutto quelli ecobio pieni di sostanze e principi attivi.. uno un guantino da più di 2 anni e mi trovo bene! Per il viso uno i dischetti lavabili di les tendances d’Emma che hanno un lato scrub e un lato delicato per struccare occhi e parti sensibili :D
Avatar di Sunrice
1
0
Risposta di 2 settimane fa

Ottimo spunto e bentornata!:-) Concordo in pieno con quanto dici e nel mio piccolo provo già da anni ad impattare il meno possibile, anche se la strada è lunga e sempre migliorabile. Gli shampoo solidi li stavo giusto guardando e prima o poi vorrei avventurarmi con la coppetta. Per quel che riguarda materiali riciclabili e packaging da riutilizzare, invece, lo faccio già da tempo, anche con le bevande. In generale trovo che ogni piccolo accorgimento possa essere utile, fa bene a tutto, anche alla tasca!:-)))

Avatar di Lulli
1
0
Risposta di 3 settimane fa

Mi sei mancata! Mi piace questa filosofia, amo i packaging essenziali e riutilizzo le bottigliette anche per ottimizzare gli spazi e non portare peso in più in viaggio o in piscina. Le bottigliette colorate per l’acqua poi sono stracarine!
Adesso però approfitto di te per colmare le mie lacune: shampoo solidi sapevo che erano meno performanti, ma ricorderò male, sicuramente mi ispirano, anche se non riesco molto a diluirli con l’olio essenziale.
E veniamo alla coppetta e ai miei non riesco: da alcuni anni mi dan fastidio anche quelli interni che usavo, ma facciamo finta: come piffero potrei cambiarmi in ufficio, lavarla, ma soprattutto farlo nelle toilette mediamente lerce che trovo in vacanza (bar, autogrill, ecc) e lavarla discretamente nel lavandino sotto gli occhi di tutti. Poi col flusso abbondante la vedo male davvero, ma anche quando piove poco perchè avevo difficoltà anche con i tampax se ero alla fine, con flusso ormai leggero. Altro mio problema è che da lunghi anni vado in toilette con il pupo e con l’assorbente mi basta farlo voltare, invece con questa non sarebbe cosi, ma poi mentre esci in lavandino a lavarla, ti devi tamponare con altro assorbente e intanto ti rioccupano il bagno? Oppure la svuoti solo e si lava la sera, ma reinfilarla così non mi prende benissimo anche se si impara a maneggiarla in modo igienico. Magari non me l’immagino bene io ed è più semplice. Grazie cara.

  • the ethical choice
    Dunque di saponi solidi ora ce ne sono sempre di più come quelli di lamazuna e saponaria che sono pure bio e poi quelli di lush che ci sono da sempre ma non proprio Eco bio. Per gli oli essenziali secondo me basta che ti insaponi le mani con la saponetta e poi ti versi li gli olii e applichi il tutto sui capelli? per la coppetta io utilizzo la bottiglietta dell’acqua e faccio tutto da seduta senza problemi.. anzi molti meno che con gli assorbenti ! Se preferisci puoi portarti un mini barattolino con acqua e sapone da ricaricare poi quando esci sul lavandino se ti senti più sicura ma basta lavarla una volta a casa?
  • Lulli
    Grazie!
Mostrati 4 risultati
Scrivi la tua risposta

Si prega di effettuare il prima di rispondere alle domande.